• Home
  • Capanna Bovarina

Capanna Bovarina

Partiamo dalla solita nebbia del sottoceneri e in men che non si dica la macchina di Gianni si trova a Campra. Poi realizziamo che la partenza con le ciaspole era invece prevista giustamente da Campo Blenio.

Nel frattempo il cielo si era aperto e sotto un sole splendente ci incamminiamo tutti insieme verso la Capanna Bovarina. Gruppo subito sfilacciato. Senza pause si sale in piccoli gruppetti col dubbio della posizione di Vassi. Gira voce che è in fuga solitaria e invece si scopre che, a forza di chiacchiere con Laura e Barbara, era rimasto eccezionalmente in coda. Verso mezzogiorno con l’arrivo di Vassi, tutti e dodici ci mettiamo a tavola a gustarci la meritata polenta. Anche Zara e Cloe hanno il loro meritato riposo in baita con noi.

Tania nonostante due ore e mezza di sonno, per aver fatto il Carnevale di Tesserete, e dolorosissime fiacche ai piedi è riuscita a salire in capanna senza ciaspole, ma comunque prima di Vassi.

Appesantiti dall’ottimo pranzo il ritorno in discesa è una passeggiata, tutti scambettano nella neve. Solo Cloe denota qualche strano sintomo di smarrimento, non si sa cosa abbia bevuto….

Grazie Vassi! e grazie anche a tutta la compagnia, è stata proprio una bella giornata di sport, chiacchiere e sole!!

Vale e Marco